la ricetta dell’antipasto vegetariano leggero e sfizioso

di cookist.it
la ricetta dell'antipasto vegetariano leggero e sfizioso
la ricetta dell'antipasto vegetariano leggero e sfizioso

Le polpette di fave sono un’idea sfiziosa e originale, perfetta da proporre come antipasto o secondo piatto in occasione di una cena o un buffet tra amici. Tenere e delicate, le fave fresche vengono sbollentate in acqua e poi frullate con uova, ricotta, parmigiano e farina di riso; una volta ottenute delle palline, queste vengono passate nell’albume e nel pangrattato, quindi immerse in olio bollente: il risultato sono delle crocchette dorate all’esterno e morbide al cuore, a cui nessuno saprà resistere. Scoprite come realizzarle seguendo passo passo la nostra semplice ricetta e il risultato sarà più che garantito.

Come preparare le polpette di fave

Aprite i baccelli e sgusciate le fave (1).

sbollentare fave

Portate a ebollizione una pentola con abbondante acqua. Salate leggermente, versate le fave (2) e sbollentatele per qualche minuto; una volta morbide, scolatele e lasciatele raffreddare.

aggiungere ricotta

Quando le fave saranno fredde, trasferitele in un mixer da cucina e aggiungete l’uovo intero e la ricotta (3).

aggiungere basilico

Aggiustate di sale e di pepe e profumate con qualche foglia di basilico (4); frullate il tutto fino a ottenere un composto sodo e omogeneo.

aggiungere farina di riso

Trasferite la crema di fave ottenuta in una ciotola, versate la farina di riso (5) e mescolate per bene.

aggiungere parmigiano

Incorporate il formaggio grattugiato (6) e amalgamate finché il composto non risulterà omogeneo (se necessario, aggiustate la consistenza con un po’ di pangrattato).

formare polpette

Ungete le mani con un goccino di olio e formate delle polpettine leggermente più grandi di una noce (7). Trasferitele in freezer e fatele congelare per circa 20 minuti.

impanare nel pangrattato

Passate le polpette prima nell’albume e poi nel pangrattato, premendo bene per farlo aderire (8).

friggere polpette

Scaldate l’olio di semi in una padella capiente, tuffate le polpette (9) e friggetele fino a doratura, girandole di tanto in tanto.

polpette di fave

Una volta ben dorate e croccanti, scolate le polpette e fatele asciugare su un foglio di carta assorbente da cucina. Conditele con un pizzico di sale e servitele calde (10).

Consigli

Per la frittura, si consiglia di utilizzare l’olio di semi di arachide: inodore e limpido, ha un punto di fumo molto elevato ed è tra gli oli che alterano meno il gusto dei cibi; la temperatura ottimale è 160-170 °C (eventualmente munitevi di un termometro da cucina) e cuocete pochi pezzi per volta, per evitare che questa possa abbassarsi eccessivamente.

Per un risultato ottimale, acquistate una ricotta piuttosto soda e asciutta; se necessario, lasciatela scolare per bene in un colino o all’interno del suo apposito cestello, per almeno una mezz’ora.

Se desiderate un gusto più dolce, potete utilizzare anche metà fave e metà piselli e seguire il medesimo procedimento. Per un sapore più deciso, invece, potete sostituire il parmigiano con il pecorino romano oppure utilizzare un mix dei due formaggi.

Per una versione più leggera, potete sostituire la frittura con la cottura in forno: formate le polpettine, disponetele in una teglia, foderata con un foglio di carta forno, irroratele con un filo di olio e infornatele a 180 °C per una ventina di minuti, o comunque fino a leggera doratura.

Se preferite una crosta più spessa, passate le polpettine nell’albume e poi nel pangrattato per almeno due volte; al posto dell’albume, potete anche passarle nelle uova intere, leggermente sbattute con un pizzico di sale.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate queste idee semplici e golose con protagoniste le fave.

Conservazione

Le polpette di fave possono essere conservate in frigorifero, chiuse in un apposito contenitore ermetico, per 2-3 giorni; al momento del consumo, scaldatele per qualche minuto in forno e gustatele calde e fragranti.



Segui su cookist.it

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *