Fermentazione casalinga: Kimchi di rucola

di FornellidItalia
Fermentazione casalinga: Kimchi di rucola
Fermentazione casalinga: Kimchi di rucola

Un modo differente di usare la rucola, che dopo la fermentazione diventa inaspettatamente dolce

Non tutti sanno che la rucola fa parte della famiglia delle crocifere, come i broccoli, i cavoli e i cavolfiori.
Solitamente non cuociamo questo tipo di verdura, al massimo la possiamo aggiungere alla pizza o alla focaccia appena sfornate; realizzare un pesto, con anacardi e olio extravergine d’oliva, super saporito per condire una pasta. Ma normalmente la consumiamo cruda.

In realtà la rucola è perfetta per la fermentazione, perché la arricchisce di sostanze benefiche.
Per questa ricetta ci siamo ispirati a quella di Kirsten K. Shockey, una dei guru della fermentazione mondiale con suo marito Chistopher. Online è possibile acquistare i loro libri, anche in versione digitale.

Una ricetta molto semplice, che si conserva per lungo tempo in frigorifero, una volta terminato il periodo di fermentazione.

Attrezzatura

Vaso a baionetta di vetro da mezzo litro, un sacchetto per surgelare con la zip.

Per preparare la salamoia

Acqua naturale (non clorata) 4,5 dl (450 ml), zucchero non raffinato 1 cucchiaino, sale marino non raffinato 1 cucchiaino.

Ingredienti

Rucola 2 mazzi (ben lavata), aglio 1-2 spicchi, semi di senape 1/2 cucchiaino, zenzero fresco 2-3 fettine, peperoncini rossi secchi 1-2 a seconda del vostro gusto, se amate il piccante potete abbondare.

Procedimento

Per la salamoia sciogliere nell’acqua lo zucchero e il sale.

Eliminare la parte più fibrosa dai gambi della rucola.
Posizionare la rucola nel vaso con l’aglio tagliato a fette, lo zenzero, la senape e il peperoncino.
Aggiungere la salamoia nel vaso.
Sigillare con un sacchetto da surgelati (di quelli con la zip) pieno d’acqua per 3/4.
Coprire con il coperchio, ma senza chiudere. Far fermentare (in luogo fresco e lontano dalla luce) per 5-6 giorni.
Durante la fermentazione controllare ogni giorno il livello della salamoia e se necessario rabboccare il liquido (in questo caso preparare la stessa dose di salamoia).
Trascorso il tempo, assaggiare il fermentato: la salamoia sarà leggermente intorpidita, la rucola sarà completamente scolorita. Il sapore sarà leggermente amaro e acidulo, ma dopo qualche tempo in frigorifero si addolcirà.
Conservare il vaso chiuso, in frigorifero, fino a 8 mesi.

.

Segui su lacucinaitaliana.it

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *