Dalle stelle alle stelle: la guida Michelin in Italia

di chefincamicia.com
Chef in Camicia
Chef in Camicia

Arrivata alla 66ma edizione, la guida Michelin è diventata un punto di riferimento per ristoratori e non. Ma quali sono i ristoranti con più stelle in Italia?

 

La guida Michelin recensisce ogni anno 45.000 ristoranti e hotel in tutto il mondo. Ma le famose stelle non sono sempre esistite.

 

 

 

La storia della guida Michelin

La guida Michelin nasce nel 1900 per aiutare e sostenere gli automobilisti nei loro viaggi (ai tempi erano vere e proprie avventure). E nel 1959 arrivano le prime stelle.

 

I principi della guida Michelin

La guida Michelin si basa su cinque principi:

  • ispettori anonimi;
  • indipendenza di giudizio;
  • selezione di alberghi e ristoranti per ogni fascia di prezzo e comfort;
  • aggiornamento annuale;
  • omogeneità, ovvero stessi criteri in tutto il mondo.

I ristoranti italiani con tre stelle Michelin

Ecco quali sono i ristoranti italiani con tre stelle Michelin.

 

Duomo – Alba

Lo chef Enrico Crippa valorizza le Langhe con una meticolosità nipponica. Erbe, fiori, frutta e verdura a km 0 (ha un appezzamento di 4.000 mq dedicato alla coltivazione) vengono esaltati alla massima potenza.

Specialità: agnello e camomilla.

 

Da Vittorio – Brusaporto

Sulle colline bergamasche nasce Da Vittorio. L’accurata selezione degli ingredienti e l’impiattamento scenico hanno portato al successo lo sforzo e la passione della famiglia Cerea. Per non dimenticare il carrello delle sucrérie, una delizia per occhi e palato.

Specialità: aragosta, patata dolce al cartoccio, mandorle e alloro.

 

Reale – Castel di Sangro

In un monastero del ‘500 nasce, dalla passione di Niko Romito, la cucina creativa del Reale.

Specialità: piccione, chiodi di garofano, senape e acqua.

 

Enoteca Pinchiorri – Firenze

Avvolti da un sontuoso palazzo fiorentino dell’800, i piatti di Enoteca Pinchiorri celebrano la grandiosità e la carta dei vini è conosciuta in tutto il mondo.

Specialità: carpaccio di cernia, maionese di baccalà, ravanelli, olio di peperone.

 

stelle michelin in italia

 

 

Enrico Bartolini al Mudec – Milano

Nessuno ha mai guadagnato così tante stelle Michelin in diverse parti d’Italia come Enrico Bartolini. E con il suo ristorante al Museo delle Culture di Milano e la sua cucina classica contemporanea ha raggiunto l’apice. 

Specialità: bottoni di olio e lime, polpo arrosto e salsa al caciucco.

 

Osteria Francescana – Modena

Osteria Francescana è un ristorante pluri stellato e pluri premiato in tutto il mondo. Massimo Bottura rivisita in chiave creativa gli ingredienti della tradizione modenese, come parmigiano, aceto balsamico, tortellini e tagliatelle.

Specialità: cinque stagionature di parmigiano reggiano in differenti consistenze e temperature.

 

La Pergola – Roma

Arrivare a La Pergola di Heinz Beck è come atterrare sui tetti di Roma in punta di piedi. E mangiare qui è una coccola dal sapore mediterraneo.

Specialità: scappo su avocado con tapioca, lemongrass e lime.

 

Le Calandre – Rubano

Le Calandre non è solo un ristorante con tre Michelin gestito dai fratelli Alajimo (Massimiliano nel 2002 è il più giovane chef tri-stellato d’Europa), ma è anche il ristorante dove è approdato Chef Hiro appena arrivato in Italia. La filosofia? L’ingrediente è il protagonista.

Specialità: risotto zafferano e liquirizia (sempre rielaborato a seconda della stagione).

 

Dal Pescatore – Runate

Dal Pescatore, la tradizione viene celebrata ai massimi livelli con uno spunto creativo, perché “il cibo è un messaggio da trasmettere legato al territorio”.

Specialità: lasagnetta con reale di Aubrac (allevamento locale al pascolo) con timo ed erbette.

 

stelle michelin in italia

 

 

St. Hubertus – San Cassiano

Il St. Hubertus racchiude l’essenza più pura della montagna, con gusti intensi e sapori locali. E Norbert Niederkofler  ci insegna tutti i suoi piatti innovativi ad Acadèmia.

Specialità: tartare di coregone.

 

Uliassi – Senigallia

Uliassi, gestito dai fratelli Catia e Mauro, propone una cucina legata al territorio marchigiano, ma elaborata con il massimo della tecnica, ma anche della tecnologia presente sul mercato. Tutto in un’ottica plastic free.

Specialità: spaghetti affumicati alle vongole.

 

 

Segui su chefincamicia.com

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *